Browse By

2 giugno 1946 – Referendum e Costituente

0 like
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

“FOGGIA FINALMENTE ALLA URNE” titola il Corriere di Foggia (settimanale indipendente) del 3 giugno 1946 e poi prosegue:

“Le sei del mattino [del 2 giugno], la città è già animata. Folla di gente d’ogni ceto sosta presso le varie Sezioni elettorali: gli uomini da un lato, le donne dall’altra parte.”

“La fila, ancora e sempre la fila! Ma è gente per lo più allenata: gente che per tanti anni ha dovuto fare la “coda” per le patate, per il carbone, per il pesce, per la carne, ecc. E poi questa fila dopotutto non dispiace: sentono un po’ tutti la fierezza, dopo si’ lunga astinenza di esercitare il diritto del voto e l’importanza dell’atto che stanno per compiere. Le donne, che sono le più numerose, [è la prima volta che in Italia alle donne è consentito il diritto di voto] sembrano darsi più arie degli uomini, come per dire “La sorte dell’Italia dipende più da noi che da voi. Possiamo finalmente dire la nostra parola. Abbiamo gli stessi diritti vostri, signori uomini!”.

“Man mano che il sole si fa più alto, le file s’ingrossano sempre più”

“Giornata piuttosto calda. Ma la folla degli elettori, che ha sopportato ben più gravi sacrifici, attende con una certa calma.”

“Soltanto presso qualche Sezione dell’Edificio Scolastico “Parisi” e all’ingresso dell’ex Istituto “Giannone” la ressa provoca un po’ di confusione e l’intervento un po’ energico degli agenti preposti all’ordine pubblico. In Piazza De Sanctis a un certo punto un carabiniere, nell’impossibilità di arginare la pressione caotica della folla, spara un colpo di moschetto in aria a scopo intimidatorio. Un po’ di panico fra la gente, un fuggi-fuggi generale, ma poi l’intervento di altri agenti della forza pubblica ristabilisce la calma e l’ordine.”

“Nel complesso si può dire che la prima giornata elettorale a Foggia si è svolta con sufficiente ordine e con notevole ed entusiastica affluenza di elettori.”

ARGUS è la firma in calce all’articolo.

Questi i candidati foggiani alla Costituente per liste di appartenenza nella Circoscrizione Bari-Foggia:

Partito Liberale Italiano e Democrazia del Lavoro

Avv. Prof. Giuseppe Savino
Avv. Luigi Sbano

Partito Comunista Italiano

Imperiale Giuseppe, ferroviere

Democrazia Cristiana

Dott. Gerardo De Caro, residente in Foggia
Dott. Prof. Filippo De Capua, abitante a Foggia
Dott. Vladimiro Curatolo
Geom. Antonio Matrella, macchinista FF.SS.

Blocco della Libertà

Avv. Prof. Raffaele Onorato
Giuseppe Buondonno, Commissario di Leva
Prof. Vittorio De Miro d’Ajeta
Dott. Cesare Benvenuto

Unione Nazionale Sinistrati di Guerra

Dott. Nicola Centra
Dott. Salvatore Bramolla
Salvatore Rapino

Partito Socialista Italiano

Avv. Carlo Ruggiero
Vincenzo Ferrazzano
Avv. Luigi Tamburrano

L’Uomo Qualunque

Ing. Leonardo Miccolis
Andrea Lucibelli

Alleanza Repubblicana Italiana

Enrico Balzamo
Dott. Francesco Cirillo
Antonio Ruggiero

Partito Repubblicano Italiano

Prof. Dott. Beniamino De Virgiliis
Francesco Petruzzelli
Prof. Nicola Russo
Giulia Tagliaferri

Unione Combattenti Reduci Partigiani e Famiglie Prigionieri

Dott. Raffele Conte
Prof. Antonio Ciano

Nella Lista del Partito Comunista Italiano della Circoscrizione Lecce-Brindisi-Taranto era candidato il foggiano Grieco Ruggiero.

FOGGIA – Elettorato attivo
Elettori 42.019 maschi 20.592 femmine 21.427
Votanti 33.872 maschi 16.793 femmine 17.079

Voti conseguiti per lista
Democrazia Cristiana 12.875
Socialisti 6.774
Uomo Qualunque 4.788
Comunisti 3.056
Unione Dem. Nazionale 1.255
Blocco Libertà 895
Movimento Unionista 615
Partito Repubblicano 570
Alleanza Repubblicana 294
Partito del Reduce 239
Combattenti Prigionieri e Reduci 157
Sinistrati di Guerra 66

Risultati Referendum Istituzionale
Monarchia voti 21.246
Repubblica voti 11.110

Gli eletti alla Costituente – “I Padri Costituenti” foggiani

GRIECO RUGGERO
Foggia 19.08.1893 – 23.07.1955
Pubblicista
Eletto nel Collegio XXVI (Lecce) nella lista del Partito Comunista Italiano

IMPERIALE GIUSEPPE
Foggia 24.09.1897 – 24.02.1964
Diploma magistrale superiore; ferroviere
Eletto nel Collegio XXV (Bari) nella lista del Partito Comunista Italiano

RUGGIERO CARLO
Foggia 18.05.1988 – 04.03.1976
Laurea in giurisprudenza; avvocato
Eletto nel Collegio XXV (Bari) nella lista del Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria

Ritengo doveroso ricordare ancora, per ragioni storiche a noi strettamente legate, per debito di riconoscenza e vincoli di conterraneità:

ALLEGATO LUIGI
San Severo (Fg) 08.04.1896 – 25.05.1958
Contadino
Eletto nel Collegio XXV (Bari) nella lista del Partito Comunista Italiano

DI VITTORIO GIUSEPPE
Cerignola (Fg) 11.08.1892 – 03.11.1957
Sindacalista
Eletto nel Collegio Unico Nazionale per la lista del Partito Comunista Italiano

FIORITTO DOMENICO
Sannicandro Garganico (Fg) 03.08.1872 – 25.07.1952
Laurea in giurisprudenza, avvocato
Eletto nel Collegio XXV (Bari) nella lista del Partito Socialista Italiano

RECCA RAFFAELE
San Severo (Fg) 19.09.1900 – 28.02.1954
Laurea in giurisprudenza, magistrato
Eletto nel Collegio XXV (Bari) nella lista della Democrazia Cristiana

Il lungo, immane e delicato lavoro del “Padri Costituenti” (e delle “Madri Costituenti”), portò all’elaborazione della Costituzione della Repubblica Italiana, legge fondamentale e fondativa dello Stato Italiano. Approvata dall’Assemblea Costituente il 22.12.1947 e promulgata dal Capo provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, il 27.12.1947 venne pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 298, edizione straordinaria, dello stesso giorno, ed entrò in vigore il 1° Gennaio 1948.