Browse By

Detti e proverbi

10 likes
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

I detti, i proverbi, il dialetto rappresentano la storia e la tradizione di un popolo e risentono delle influenze subite dagli avvenimenti storici.

Questa raccolta amatoriale e sicuramente non esauriente sara’ continuamente aggiornata e se potra’ contribuire, anche se in misura minima,  a mantenere nel tempo il ricordo della nostra cultura, lo sforzo non sara’ stato vano.

Fatte, cutte, magnàte!

(Preparato, cotto, mangiato!)

Per indicare una cosa che si risolve in brevissimo tempo, o meglio, la si trova già risolta

Quande u cundemìnde è poke, se ne vace p’a tijelle

(Quando il condimento è poco, basta solo per sporcare la pentola)

Quando le risorse sono poche, non bastano nemmeno per il necessario

T’u puje vève nd’a nu becchjre d’acque!

(Te lo puoi bere in un bicchiere di acqua)

Lo si dice riferendosi ad una persone onesta, leale e cortese

U cane muzzekèje sèmb’o strazzàte

(Il cane morde sempre lo straccione)

Succede spesso che i guai li subisce chi sta peggio degli altri

E’ murte ‘u crejature e nen sîme chiù cumbare

(È morto il bambino e non siamo più compari)

Succede che magari due persone per un periodo della loro vita abbiano interessi comuni e poi, di colpo, per mutate condizioni di vita,  non si vedano più.

Mo se càndane i corne une ke l’ate

(Ora si cantano le corna l’uno all’altro)

Ora se ne dicono di tutti i colori

Quanne se jètte ‘a carne, se jètte pure u bròde

(Quando si butta la carne si butta pure il brodo)

Quando si allontana una persona, è giusto non trattare più con quelle persone a lui vicine

Nen mettènne a carne mokke ‘o lupe

(Non mettere la carne in bocca al lupo)

Non operare in maniera tale da peggiorare una situazione andando a coinvolgere persone direttamente coinvolte.

È carne aggiùnde

(È carne aggiunta)

Dicesi di persone imparentate non direttamente, come suoceri, generi, nuore e cognati

S’è fatte u carùse

(Si è fatto il caruso)

Si è rapato

S’è vutàte de cùzze e se n’è jute

(Si è voltato di testa e se ne è andato)

Si è girato e se ne è andato; lo si dice soprattutto ad uno che non affronta una situazione.

A chi appartìne?

(A chi appartieni?)

Frase molto utilizzata per domandare a qualcuno  la famiglia di appartenenza, per conoscerne le origini

Angòra avìssa cadè

(Bada a non cadere)

Evidenzia come a Foggia ancora non é avverbio di tempo ma ha il significato di ” Stai attento “

Stake nu bagne d’acque

(Sto in un bagno di acqua)

Lo si dice quando si è molto bagnati per il troppo sudore

Lìve u cane e lìve ‘a ragge

(Togli il cane ed elimini la rabbia)

Per risolvere un problema, basta eliminare la causa

.

.

Santa Chiare, dope arrubate mettirene ‘i porte de firre

(A S.Chiara dopo che rubarono, misero le porte di ferro)

Spesso si prendono provvedimenti solo dopo che sono avvenuti certi episodi

L’ha ‘ssettàte k’u cùle pe ‘ndèrre

(L’ha seduto con il sedere per terra)

L’ha ridotto sul lastrico

Nen facènne u capuzzìlle

(Non fare il prepotente)

Tìne l’ùcchje appapagnàte

(Hai gli occhi sonnolenti)

Tìne ‘a pàpagne

(Sei sonnolento)

L’ha ppapagnàte n’ùcchje

(Gli ha tumefatto un occhio)

Tutti detti legati alle proprietà  del papavero come oppiaceo

Tìne a canìgghja ngàpe

(Hai la crusca in testa)

Non hai le capacità per ragionare

Chi tène i mane nda farìne n’ì cacce pulite

(chi ha le mani nella farina, non le tira fuori pulite)

Spesso viene detto a chi gestisce la cosa pubblica e che quindi ha la possibilità concreta di commettere atti illeciti; in pratica il detto dice: “l’occasione fa l’uomo ladro”

Nen z’è fatte né càvede né frìdde

(Non si è fatto nè caldo nè freddo)

Non si è scomodato affatto, come se non fosse successo niente

Cecernèlle vulève vulève, nen zapève ché vvulève

(Cicirinella -nome di fantasia- voleva voleva, non si sapeva che cosa voleva)

Lo si dice, a mo’ di cantilena, per indicare una persona estremamente indecisa, che quando sembra di voler prendere una decisione, torna indietro sui suoi passi

Tène l’argìnde; ‘i volle u sanghe

(Ha l’argento; gli bolle il sangue)

Dicesi di una persona vivace

Chi sparte have ‘a megghja parte

(Chi divide ottiene la parte migliore)

Praticamente chi gestisce, riesce sempre a trarne benefici

Armàmece e partìte

(Armiamoci e partite)

Detto scherzoso per evidenziare la mancanza di volontà ad intraprendere un’azione

Hè fatte stu bèlle accatte

(Hai fatto questo bell’acquisto)

Si dice per evidenziare una scelta sbagliata

San Gesèppe l’ha passàte u chjanùzze

(San Giuseppe le ha passato il pialletto)

Frase irriverente rivolta ad una donna con un seno non proprio fiorente, ricordandole la capacità della pialla del falegname di eliminare le rotondità

.

.

‘U facirène a còppele e turnèse

(Lo fecero a coppola e tornese)

Lo ridussero sul lastrico. La coppola indica il gesto di chiedere l’elemosina, mentre il tornese, vecchia moneta, rappresenta il denaro.

U zuppe a ballà, u cacàgghje a candà

(Lo zoppo a ballare, il balbuziente a cantare)

Spesso alcune azioni sono svolte da persone non sempre all’altezza

Ajire casa case, ogge mizz’a case

(Ieri casa casa, oggi in mezzo alla casa)

Dicesi di una persona appena deceduta che magari nei giorni precedenti stava bene; si fa riferimento all’abitudine di mettere il defunto nel mezzo della casa, di solito nella sala più ampia in attesa di portarlo in chiesa per il funerale

U cavàlle curredòre se véde a l’ùtema corse

(Il cavallo corridore si vede all’ultima corsa)

La validità di certe persone la si vede solo alla fine di un evento

‘U pésce féte d’a cape

(Il pesce puzza dalla testa)

Quando una cosa va male, spesso la colpa è da attribuire non a chi ci lavora, ma a chi dirige le operazioni

Stace tutte ammasckate

(Sta tutto accaldato)

Si dice a chi sta arrossato e accaldato poichè forse febbricitante

Ije ce mettarrìje ‘a firme

(Io ci metterei la firma)

Magari andasse così, anche se non è la soluzione migliore

Nen zape a ndò ha da sbatte ‘a cape

(Non sa dove sbattere la testa)

Si dice di qualcuno che ha un problema difficile da risolvere

Che tìne a cialànghe?

( Hai molta fame?)

Termine che indica più che la fame, l’ingordigia e la avidità nei confronti del cibo

Se n’è jute d’acizze!

(Se ne è andato di acido)

Dicesi quando una persona perde il lume della ragione e si  comporta in modo anomalo

Ci amme truvàte ‘mmizze a nu’ cùrra cùrre

(Ci siamo trovati in mezzo ad un corri corri)

Stavamo in mezzo ad una folla di gente che scappava

M’ bbatte a fianghètt

(Mi batte la fianchetta)

Quando si ha fame, si fa un gesto a battere con la mano il fianco per evidenziare la pancia vuota

Chi si corke ch’i crijatùre se trove cacàte

(Chi si va a dormire con i bambini, si trova sporco di cacca)

Lo si dice per sottolineare la inaffidabilità dei bambini magari a svolgere compiti destinati agli adulti

Féte a cane murte

(puzza a cane morto)

Lo si dice di una persona oltremodo maleodorante

‘U cretecante parle sémbe a pungeca’

(La persona che critica,parla sempre per pungere)

La persona abituata a criticare,  parla sempre per far male

Attàkke u ciùccie a ‘ndo vòle u padrùne

(Attacca l’asino dove vuole il padrone)

Spesso si fanno cose contro la propria volontà, ma poichè  dettate dal datore di lavoro, si chiudono gli occhi e si fanno

T’hé sapé arruffianà

(Devi imparare a comportarti da ruffiano)

Devi saperti affidare a chi ti può aiutare e rendersi utile

S’è menàte ‘a mane sop’a cusciènze

(Si è messo la mano sulla coscienza)

Ha fatto un’azione mosso dalla propria coscienza

Mazze e panélle fanne i figghje bélle

(Botte e coccole fanno i figli belli)

Per crescere bene figli bisogna alternare severità e carezze

 Se ne vàce arrète cum’è ‘a còdeke sop’o fùke

(Se ne va dietro come la cotenna sul fuoco)

Spesso succede che qualcuno se ne va dietro alle chiacchiere di qualcun’altro quasi ad occhi chiusi senza alcuna capacità critica. Si fa riferimento alla facilità con la quale la cotenna si scioglie sul fuoco.

E’ jute a cagnà l’acque all’aulìve

(E’ andato a cambiare l’acqua alle olive)

Dicesi di una persona che è andata ad urinare, ricordando le operazioni che si fanno alle olive per la conservazione in salamoia

S’è ‘ggiustàte i fasciature

(Si è messo a posto le fasciature)

Il detto è riferito a chi, approfittando di una qualsiasi situazione a lui favorevole, ha pensato innanzitutto a sistemare le proprie cose e poi, magari, ha provveduto a provvedere a quelle degli altri

Se ne véne k’u sì bemolle

(Se ne viene con il si bemolle)

Modo di dire a chi arriva ad un appuntamento con molta calma

Brutte de facce bone de core

(Brutta di faccia ma buona di cuore)

Magari l’apparenza burbera nasconde in alcuni la bontà di animo

Vace fresckijanne u mazze

(Va rinfrescando il deretano)

Lo si dice ad una persona, spesso ad una donna, che gira con abiti succinti

 Arravùgghje e camìne

(Raccogli e cammina)

Fai finta di niente e tira avanti per la tua strada

Gese Criste ‘i face e ‘a Madonne l’accocchje

(Gesù Cristo li fa e la Madonna li accoppia)

Spesso ci si trovano insieme due persone strane che si uniscono per esempio in matrimonio e magari la loro unione suscita ilarità

N’agghje fatte a ‘timp a dice: “Crìste, ajuteme”

(Non ho fatto in tempo a dire: “Cristo aiutami”)

Si dice quando un fatto è avvenuto in maniera improvvisa e imprevedibile

Quìlle che sonde, tu hè ésse; quìlle che sinde, ije fuje

(Quello che sono, tu sarai; quello che tu sei, io fui)

Monito che gli anziani ripetono ai giovani per portarli al rispetto della non più verde età

E’ jute abbàsce fertùne

(E’andato in bassa fortuna)

Dicesi di persona che,una volta ricca e fortunata, si trova a dover affrontare una realtà nuova e meno favorevole. Spesso,per la medesima situazione,  si usa la seguente espressione:

Ha pigghiàte u cape abbàsce

(E’andato in giù con il capo)

Fémmene a fenèstre, poca menèstre

(Donna alla finestra, poca minestra)

Quando la donna sta alla finestra, o comunque è indaffarata per futili motivi, la casa va a rotoli e soprattutto a tavola non c’è soddisfazione

L’ha fatte jì k’a capa storte

(Lo ha fatto andar via con la testa storta)

Gli ha fatto una lavata di testa tanto da contrariarlo

Nen z’accatte né pesce a pùrte né càvele a l’ùrte

(Non si compra né pesce al porto, né cavoli all’orto)

Le migliori fregature si prendono laddove si ha più fiducia. È legato al detto seguente:

 Addummànne a l’acquarule si l’acque è fresche

(Domanda all’acquarolo se l’acqua è fresca)

Non bisogna fidarsi delle apparenze

San Guglielme e Pellegrine so’ amande d’i frustìre

(San Guglielmo e Pellegrino sono amanti dei forestieri)

Lo si dice quando a Foggia fanno fortuna gente non del posto ricordando che anche i Santi Protettori di Foggia venivano da lontano

 S’abbuttaje ngànne

(Gli si gonfiò la gola)

Si usa per indicare una persona adirata che fa confluire, appunto, il sangue ai vasi del collo

Fa quille che te dike e no quille che fazze

(Fai quello che ti dico e non quello che faccio)

Invito fatto da una persona che è cosciente che il suo comportamento non è irreprensibile e quindi non di esempio per gli altri

Isse ce ha mìse u cuìrchje

(Lui ci ha messo il coperchio)

Si dice di un uomo che ha scelto di sposare una ragazza madre,o che comunque ha già avuto un figlio da un altro

Nen m’a fìde chjiù

(Non me la fido più)

Non ce la faccio più, il fisico non mi regge;

Sìme arruàte a chi sì tu e chi so’ ije

(Siamo arrivati a chi sei tu e chi sono io)

Quando un litigio è violento,  si arriva a dirsi tutto  per sottolinearsi le diversità

Faccia mìje

(Faccia mia)

Che vergogna! Vorrei nascondere la faccia

 Cìle rùsce: o vìnde o mbùsse

(Cielo rosso: o vento o bagnato)

Detto metereologico popolare

Mènghe a prète ‘o calcàgne e ‘i ésce u sànghe d’o nase

(Butto la pietra al calcagno e gli esce il sangue dal naso)

Alle volte alcune persone si lamentano per situazioni totalmente diverse da quelle reali

 Abbùna abbune

(A buono a buono)

Quando ci si pente di aver fatto una fatica inutile o non riconosciuta

S’è mise ngùlla ngùlle

(Si è messo addosso addosso)

Dicesi di persona petulante e fastidiosamente assillante

Mo se mèttene tutte ‘a cammìsa longhe

(Ora si mettono tutti la camicia lunga)

Riferito a chi magari ne ha combinate tante in passato e poi,cambiando gli atteggiamenti, dà di se stesso una immagine totalmente diversa

Mannaggè a sande nìnde

(Mannaggia a santo niente)

Bestemmia “pulita”: si parte con l’offendere un santo e ci si salva sulla non definizione dello stesso

Quanne ‘u diavele t’accarezze vôle l’aneme

(Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima)

Spesso lo dice la mamma al figlio che  le fa delle coccole o si manifesta molto giudizioso; in effetti sta pensando di fare una richiesta e vuole conquistarsi una risposta favorevole

Da u male fategànde esce u mègghje cumandànde

(Dal cattivo lavoratore esce il miglior comandante)

Spesso persone che come lavoratori non sono un granchè, appena ricoprono un incarico che dà loro autorità,  lo svolgono con zelo e precisione

Téne ‘a trippe annànze

(Hai la pancia avanti)

Si dice ad una persona con una pancia voluminosa

Quande m’avìta chjàgne

(Quanto mi dovrete piangere)

Di solito viene detto per indicare il fatto di essere indispensabili e necessari: “quando non ci sarò più, come farete?”

Tène u còre ‘ndo u zukkère

(Ha il cuore nello zucchero)

Non sta nella pelle per la gioia

Frìscke a l’anème d’u Purgatòrie

(Per rinfrescare le anime del Purgatorio)

Era un detto che spesso i mendicanti rivolgevano ai passanti per convincerli a elargire loro qualche soldo: comportandovi bene con me allevierete le sofferenze delle anime del Purgatorio

Stanne tutt’e ddùje, tazze e cucchjàre

(Stanno tutt’e due, tazza e cucchiaio)

Sono due persone che stanno sempre insieme e che vanno molto d’accordo

Cande tu chè ‘a ‘nnammuràte è sorde!

(Canta tu che l’innamorata è sorda)

Considerazione che si fa rivolgendosi a chi cerca di dire qualcosa a qualcuno che non ne vuol sapere

Ce sìme assettàte sazzie e avezàte dejùne

(Ci siamo seduti sazi e alzati digiuni)

Lo si dice ad un ristoratore quando il conto è alto, o al padrone di casa dal quale, a tavola, ci si aspettava qualcosa in più

A quìlle ‘u tènghe fàtte

(A quello lo tengo fatto)

Si dice quando ci si deve confrontare, in qualunque campo, con avversari o competitori e si ha la certezza di essere superiore a qualcuno di essi

Stèce appezzecàte k’a sputàcchje

(Sta incollato con la saliva)

Si dice di solito di un lavoro eseguito male, realizzato con superficialità

Cammìne ka giacchètte arrappàte

(Cammina con la giacchetta spiegazzata)

Chi tanda tande e chi nìnde nìnde

(Chi tanto tanto e chi niente niente)

Si dice quando si mettono a confronto due realtà opposte, magari una persona a cui tutto va bene ed un’altra funestata da vicende  sfavorevoli

L’utème a cumbarì fuje “Ciambacòrte”

(L’ultimo a comparire fu “Ciampacorta”)

Dicesi a chi arriva sempre in ritardo ad un appuntamento, ricordando questa figura che aveva il vizio di arrivare sempre per ultimo

Cum’eje u suldàte accussì è u fucile

(Come è il soldato, così è il fucile)

Spesso il modo di essere di una persona influenza il suo modo di agire

U vòve dice a l’àsene kernùte

(Il bue dice all’asino cornuto)

Non guardare i difetti dell’altro perchè non sempre sono differenti dai tuoi

‘U litte cume ‘u faje accussi’ ‘u truve

(Il letto come lo fai te lo ritrovi)

Se si lascia una cosa fatta male, anche dopo diverso tempo, la si ritrova nella identica situazione

U delòre è da chi ‘u sènde, no de chi passe e tène mènde

(Il dolore è di chi lo sente, e non di chi passa e tiene a mente)

Detto popolare che ci dice che, nonostante gli sforzi per consolare una persona, il dolore resta purtroppo a chi lo ha subito

Chi paghe prìme è male servìte

(Chi paga per primo è mal servito)

Fidarsi del prossimo può riservare brutte sorprese

È carestùse

(È caro)

Lo si dice di un venditore che ha i prezzi oltremodo alti

Ha pigghiàte asse pe fegùre

(Ha preso asso per figura)

Spesso utilizzato per evidenziare una cantonata, uno sbaglio madornale riconducendo il tutto al gioco delle carte

I mègghje affare so’ quìlle che nen ze fanne

(I migliori affari sono quelli che non si fanno)

Detto da persone eccessivamente prudenti e comunque diffidenti nell’intraprendere nuove avventure

M’hè fatte quella sorte d’asciùte

(Mi hai fatto quella sorta di uscita)

Si dice a qualcuno quando si pensa che una rimostranza sia stata veemente e fuori luogo

‘U Signore véde e pruvvéde

(Il Signore vede e provvede)

Si dice a chi ha subito una disgrazia per consolarlo

 Famme prìme e famme fèsse

(Fammi primo e fammi fesso)

Inizia pure da me; corro il rischio di prendere un bidone; ho fiducia in te

Denàre e ucchje da fore, quanne so’ sciùte nen tràsene chjù

(Soldi e gli occhi fuori dalle orbite, quando sono usciti non rientrano più)

Lo si dice a chi ha tirato fuori dei soldi:”Non pensare più a quei soldi che hai tirato fuori… ormai sono andati via”

Hamme fatte citte citte ‘mînze o mercate

(Siamo statti zitti zitti nel mezzo del mercato)

Si dice quando una cosa ritenuta segreta, viene a conoscenza di molti perchè ascoltata da orecchie indiscrete

Stije arrunzànde

(Stai arrangiando)

Spesso si dice quando l’arrangiarsi è più di origine fraudolenta

Quanne ‘u povere dace o ricche ‘u diavele s’a rire

(Quando il povero dà al ricco, il diavolo si fa una risata)

È brutto constatare che molte volte, per ingiustizie sociali e per comportamenti fraudolenti, il povero è costretto a dare a chi sta molto meglio di lui

Te l’agghja fa vedè k’u cannucchjàle

(Te lo devo far vedere con il cannocchiale)

Dicesi quando si vuol manifestare la volontà di non dare a qualcuno ciò che costui si aspetta

Nen facìte chi figghije e chi figghjàstre

(Non fate chi figli e chi figliastri)

Non trattate in modo diverso persone uguali tra loro creando ingiuste discriminazioni

È n’ome k’i baffe

(È un uomo con i baffi)

Dicesi di un uomo vero, di uno che sa comportarsi da vero uomo

Articule quìnde, chi tène mmane ha vìnde

(Articolo quinto, chi è di mano ha vinto)

Si riferisce a chi dispone del comando e dell’autorità per i propri comodi

Vake fujènne pe dìbbete e trove i ‘scire pe ‘nanze

(Scappo per debiti, e trovo pure gli uscieri – ufficiali giudiziari- davanti)

Non bastano i guai che ho, ce ne sono altri dietro l’angolo

‘A vite è n’affacciate de fenestre

(La vita è una affacciata alla finestra)

Questo detto indica la brevità e la precarietà della vita e quasi incoraggia a viverla intensamente

‘A chiagne ‘u murte sonde lacreme pérze

(A piangere il morto sono lacrime perse)

Quando una cosa è successa,bisogna guardare avanti, non bisogna abbattersi più del dovuto

‘U cumànne a bakkette

(Lo comanda a bacchetta)

Si vuole rappresentare quella persona che riesce a farsi obbedire; un po’ quello che faceva una volta il maestro ai suoi alunni proprio con la bacchetta in mano

Ah, tu dice mò?

(Ah, tu dici ora?)

Locuzione molto usata per affermare:”Tu dici in questo modo?”

Aria nétte nen tène paure de sajètte

(L’aria pulita non ha paura dei fulmini)

Se non hai fatto niente, se hai la coscienza a posto, non hai niente da temere

Chissà che ha viste e n’ha ‘ssapràte

(Chissà cosa ha visto e non ha assaggiato)

Spesso è riferito a chi, senza un apparente motivo, cambia atteggiamento comportandosi in modo scontroso e scostante

È jute p’avé e è rumaste da dà

(È andato per riscuotere e si è ritrovato debitore)

La spiegazione è chiara

Sò nùvele de passàgge!

(Sono nuvole di passaggio)

Il senso figurato è chiaro. Di solito si usa il detto per consolare qualcuno che ha avuto un evento avverso ma di rapida soluzione

Face u dijàvele a quatte

(Fa il diavolo a quattro)

Fa di tutto per ottenere il suo scopo

Quanne u cùle spare a vvinde, u mìdeke nen guadàgne nìnde

(Quando il sedere spara al vento, il medico non guadagna niente)

Quando uno scorreggia, vuol dire che sta bene e quindi è inutile chiamare il medico… c’è poco di scientifico in questa teoria

M’u so’ cresciùte

(Me lo sono cresciuto)

Si usa per parlare di una persona avita in cura e che si è provveduto a far crescere

Pàrle d’u dijavele e spòndene i corne

(Parli del diavolo e spuntano le corna)

Lo si dice quando mentre si sta parlando di una persona, all’improvviso questi appare

È tutte fume e nìnde arrùste

(È tutto fumo e niente arrosto)

Dicesi di una persona “atteggiata” che cerca di ostentare più qualità di quelle che in effetti possiede

Tìne l’artèteke

(Sei irrequieto)

Frase spesso rivolta a  bambini particolarmente vivaci

Fine che ‘u midiche studie ‘u malate môre

(Mentre il medico studia, il malato muore)

Spesso se non prendi subito una decisione, la situazione precipita

Face sèmbe n’arte

(Fa sempre la stessa cosa)

Detto usato per sottolineare un’azione ripetitiva e arrecante fastidio

Nen m’avèsse arretrà ‘a case

(Non mi dovrei ritirare a casa)

Detto molto usato che rappresenta un giuramento così determinato da mettere a repentaglio la propria incolumità

Tìne angòre u chjàrfe ‘o nase

(Hai ancora il moccio al naso)

Sei ancora un moccioso

Dije vède e pruvvède

(Dio vede e provvede)

Stai tranquillo che Dio vedrà la tua situazione e ti aiuterà

Quatte e ccìnghe: nove, fazze i cunde e nen me trove

(Quattro più cinque nove, faccio i conti ma non mi trovo)

Detto scherzoso usato quando ci si perde nel fare i conti

Padrùne de bastemènde barke d’affìtte

(Da padone di bastimento a barca in affitto)

Si dice a chi è stato colpito da improvvisa sfortuna e che ha peggiorato la sua qualità di vita

Ha da jì scàveze  a Madonne ‘I ngurnàte!

(Deve andare scalzo sino alla Madonna dell’Incoronata)

Dicesi di persona che ha ricevuto una fortuna o un qualunque evento favorevole

I funge a rocchie e i fesse a cocchie

(I funghi a gruppo e i fessi pure)

Un fesso sta sempre in mezzo ad altri come lui

L’hanne fatte àcce e òve

(Lo hanno fatto combinato male)

Dicesi di qualcuno che è stato massacrato di botte. Ecce Homo (Giovanni 19,5) che significa letteralmente Ecco l’Uomo, ed è la frase che Ponzio Pilato , allora governatore romano  della Giudea , ha rivolto ai Giudei nel momento in cui ha mostrato loro Gesù flagellato .  Il senso del detto è quindi chiaro, paragonando il malcapitato a Gesù Cristo dopo essere stato sottoposto alla flagellazione. Se questa ricostruzione può sembrare troppo “dotta” per un proverbio di utilizzo popolare, in realtà la frase Ecce Homo era molto nota, ai nostri concittadini di qualsiasi ceto sociale, prima degli anni ’60 (Concilio Vaticano II) quando la Messa veniva celebrata in latino, e q uindi gli stessi Vangeli erano conosciuti, spesso a memoria anche da analfabeti, nella stessa lingua (a cura dell’ing. Gianfranco Fortunati)

Nen decènne fessarìje cumé Barbanère

(Non dire fesserie come Barbanera)

Barbanera era un vecchio almanacco che riportava anche le previsioni meteorologiche che secondo molti non erano proprio attendibili

A fatìghe ‘a vole ngànne

(La fatica la vuole in gola)

Non ha voglia di lavorare

D’o male pagatore acciaffe quille chè puje

(Dal cattivo pagatore prendi tutto quello che puoi)

Quando sai che una persona non è propensa a pagare i debiti, non essere rigido e accontentati anche di una cifra inferiore che è sempre meglio di non recuperare niente.

Chi me battêzze m’ê cumbàre

(Chi mi battezza è il mio padrino)

Preferisco stare con chi mi dà un vantaggio, con chi sta dalla mia parte

Mo t’abbòtte i dìnde

(Ora ti gonfio i denti)

Frase minacciosa

È bèlle ma n’abbàlle

(È bello ma non balla)

È di bello aspetto ma non sa fare niente

Gese Criste dace u pàne a chi nen téne i dìnde

(Gesù Cristo dà il pane a chi non ha i denti)

Spesso capitano fortune a chi non ha capacità per sfruttarle. Alle volte viene usato anche quest’altro detto con il medesimo significato:

‘U Signore manne i cumbitte a chi nen téne dinde

(Il Signore manda i confetti a chi non ha i denti)

Ije te vède e te chjàgne

(Io ti vedo e ti piango)

Viene detto per commiserazione

L’è venùte ‘a botte

(Gli è venuta una botta)

Ha avuto uno scatto d’ira

Brutta ‘nfasce, bèlle ‘nghjazze

(Brutta in fasce, bella in piazza)

Si dice di una ragazza dventata sempre più bella con il passare degli anni

È nu cacasotte

(È un cacone)

Il significato è chiaro

‘A vole ‘ngànne a caccià nu solde

(Si farebbe strozzare pur di non cacciare un soldo)

‘A chitàrre mmane ê cafùne

(La chitarra in mano ai cafoni)

Si usa quando si vuole sottolineare la incompetenza di qualcuno nel fare qualcosa

Eje fuke de pagghie

(È fuoco di paglia)

È un evento passeggero

Parlàme nu fèsse a vote

(Parliamo un fesso alla volta)

Lo si dice quando, tra più persone le voci si sovrappongono e non ci si capisce

M’ha lassàte cumé nu cetrùle

(Mi ha lasciato come un cetriolo)

Mi ha lasciato di sasso

I chjàcchjere s’i porte u vinde

(Le chiacchiere se le porta il vento)

Le cose dette non lasciano traccia. Praticamente è la traduzione in foggiano del detto latino “verba volant, scripta manent”

Loro se so’ magnàte i mèle e ije me so’ gelàte i dìnde

(Loro hanno mangiato le mele ed io mi sono gelato i denti)

Io ho lavorato ma gli altri hanno goduto dei frutti del lavoro

L’ha candàte tutte quande u calannàrie

(Gli ha letto tutto il calendario)

Gliene ha dette di tutti i colori, letteralmente: “Ha bestemmiato tutti i Santi del calendario”

‘U téne ‘nda na cambàne

(Lo tiene in una campana)

Spesso si usa per indicare una mamma, per  esempio, assai premurosa con il proprio figlio fino ad isolarlo dagli altri bambini

Camìne mure mure

(Cammina vicino al muro)

Si dice all’ubriaco, ad un malato, comunque a chi non si regge in piedi

‘A carne se jette e i cane s’arraggene

(La carne si butta (ne è tanta) e i cani si arrabbiano)

Quando ci si trova in una situazione di abbondanza, tutti si accalcano per goderne

A cicere a cicere s’énghje ‘a pegnate

(Cece su cece si riempie la pignatta)

Un po’ alla volta si realizza qualsiasi progetto

A case d’i poverilli nen manchene stozze

(Nella casa dei poveretti non manca il tozzo di pane)

Con questo detto si evidenzia la generosità della povera gente

‘A figghja môpe ‘a mamme ‘a ‘ntende

(La figlia muta è compresa dalla mamma)

Basta poco ad una mamma per comprendere un problema di un figlio

‘A gallina face l’uve e o galle ‘i ‘duscke ‘u cule

(La gallina fa l’uovo e al gallo duole il sedere)

Spesso la gente si vanta di oneri che magari sono a carico di altri

Mangh’é cane

(Nemmeno ai cani)

Non lo auguro nemmeno ai cani

Hamme rufuste l’uglje e ‘a lambe

(Abbiamo riaggiunto l’olio alla lampada)

Si dice quando in una attività ci si rimette. Si fa riferimento ovviamente alla lampada ad olio

Sì nu ciaciàkke

Dicesi a persone che facilmente se la spassano con le donne

‘A carna triste  nn’a vôle manghe Criste

(La carne triste non la vuole nemmeno Cristo)

Si usa dire quando si vuole affermare che,mentre muore spesso la brava gente, delinquenti e cattivi continuano a vivere serenamente

E’ fèsse quande te n’ha dìtte

(Sapessi quante te ne ha dette)

E’ fèsse è molto utilizzato a Foggia per indicare una esagerazione

Ha ‘ppicciàte nu fuke

(Ha acceso un fuoco)

Detto riferito a chi, volontariamente o meno, affronta un argomento che contribuisce ad accendere una vibrante discussione tra i presenti

Chi cummérce cambe e chi fatiche more

(Chi commercia vive bene, chi lavora muore)

Detto da chi crede che il commerciante si arricchisce con poco sforzo

Chi tire assaje, ‘a zôche se spézze

(Se tiri troppo la corda, questa si spezza)

Non bisogna mai chiedere di piú di quello che si può ottenere

Chi magne gallucce e chi gnotte veléne

(Chi mangia gallucci e chi inghiotte veleno)

La vita a volte crea delle disparità per cui esistono persone a cui tutto va bene ed altre che trovano il proprio percorso pieno di insidie

Ne’ scungiànne i cane che dòrmene

(Non dar fastidio ai cani che dormono)

Lascia stare chi sta tranquillo

Chi parle ‘mbacce nen èje chiamate tradetore

(Chi parla in faccia non viene identificato come traditore)

Tire na feleppìne

(Tira una filippina)

Spesso, quando si lasciano le finestre aperte, si creano correnti d’aria definite filippine

Quìlle nen è tanda dòlece de sale

(Quello non è tanto dolce di sale)

Lo si dice di una persona autoritaria e che apparentemente sembra più buona di quello che in effetti è

Chi tarde arrive male allogge

(Chi tardi arriva male alloggia)

Proverbio usato non solo a Foggia

Chi téne magne e chi nen téne magne e véve

(Chi ha mangia, chi non ha mangia e beve)

Spesso succede che chi dichiara di non avere niente sta meglio di colui che è dichiarato benestante

Chi zappe véve l’acqua e chi pôte véve ‘u vine

(Chi zappa beve l’acqua, chi pota beve il vino)

Molte volte chi lavora di più ottiene meno benefici e ricompense di chi si dedica con meno impegno

I solde fanne aprì l’ucchie e’ cecate

(I soldi fanno aprire gli occhi ai ciechi)

I soldi alle volte sono un toccasana per tutti i guai

Frìscke de rècchje a mana drìtte: sacca rikke e core afflìtte

(Fischio all’orecchio destro: tasca piena e problemi di cuore)

Detto popolare

Chi spute ‘ngile ‘mbacce li véne

(Chi sputa in cielo, in faccia gli torna)

Quando fai una cosa, può essere che la stessa ti si ritorca contro

Fatìghe poke e quelle che he fa, faccèle fa a l’ate

(Lavora poco e quello che devi fare, lascialo fare agli altri)

Frase pronunciata sicuramente da chi non ha fama di grande lavoratore

Crìsce sànde, chè dijàvele ce sinde

(Cresci santo, perchè diavolo già lo sei)

E’ un augurio che si fa ai bambini quando starnutiscono

Crisce figghje, crisce purche

(Cresci figli, cresci porci)

Spesso il sacrificio speso per i figli non viene riconosciuto dagli stessi mentre, dice il detto popolare, crescendo i maiali alla fine ci si può trarre più vantaggi

Hamme mesckate cénere e panne lurde

(Abbiamo mischiato la cenere con i panni sporchi)

Alle volte si fa di tutta l’erba un fascio, senza rendersi conto che esistono differenze notevoli tra le persone o tra le cose

M’ha fàtte fuje ‘u core da ‘mbìtte

(Mi ha fatto correr via il cuore dal petto)

Mi ha spaventato

‘U pulpe se coce che l’acqua suja stésse

(Il polpo si cuoce nella acqua sua stessa)

Quando qualcuno fa qualcosa che non dovrebbe fare o arreca danno a qualcuno, c’è la possibilità che la sua azione si ritorca contro se stesso

Mundagne e mundagne nen se ‘ncondrene maje

(Montagna e montagna non si incontrano mai)

Solo le montagne non si incontrano tra di loro, quindi prima o dopo c’è la possibilità di incontro tra le persone

E’ nu sckattamìnde de core

(E’ un crepacuore)

Me sembre na massarije sènza curàtele

(Mi sembra una masseria senza curatolo)

Quando non c’è chi comanda, tutti creano una enorme confusione

D’ogne témpéste véne a’ fine

(Ogni tempesta ha la sua fine)

Dopo un periodo burrascoso ci si aspetta un po’ di serenità

E’ fatti i cunde senz’u tavernere

(Hai fatto i conti senza il taverniere)

Ritieni di averla passata liscia, ma non è così

 Quanne te cuce e nen te scalfe, hadda fa’ ‘a néve

(Quando ti scotti e non ti riscaldi, sta per nevicare)

Detto popolare “metereologico”

 Chi bèlle vole parì, l’ùsse e ‘a pèlle l’hanna dulì

(Chi bello vuole apparire, le ossa e la pelle gli devono far male)

Non esiste un gran risultato, se non lo si ottiene con sacrificio

 Figghje, parînde e nepute quille chè faje èje tutte perdute

(Figli,parenti e nipoti quello che fai è tutto perduto)

Spesso quando fai del bene ai parenti più stretti può succedere che non vieni neanche ringraziato

E’ megghje èsse curnute e no’ male sendute

(È meglio essere cornuti che non ascoltati)

Lo si dice spesso quando  si ha l’impressione che l’interlocutore non ci ascolti

Agghia fa crocia nère

(Devo fare croce nera)

Devo chiudere definitivamente questa questione

E’ menate a préte e t’é ‘mmucciate ‘a mane

(Hai buttato la pietra e hai nascosto la mano)

Hai offeso qualcuno o gli hai arrecato danno ma non hai il coraggio di dichiararlo

Fa male e pinze, fa bene e scùrde

(Fai del male e pensaci, fai del bene e dimenticatene)

Cerca di renderti conto quando fai del male a qualcuno in modo da non rifarlo, mentre viceversa se fai del bene puoi non pensarci

Male nen facénne, paura nen havénne

(Male non fare, paura non avere)

Se non fai del male, non devi temere nessuno

 Ije dike “Agghje” e quìlle responne: “cepòlle”

(Io dico “aglio” e quello risponde “cipolla”)

Detto riferito a persone che non si intendono

N’a porte se chiude e nu purtone s’apre

(Una porta si chiude e un portone si apre)

Se una cosa non va bene, non c’è da preoccuparsi perchè può sempre accadere qualcosa di più favorevole

I péttele chè nen se fanne a Natale nen se fanne némméne a Capedanne

(Le pettole che non si fanno a Natale non si fanno nemmeno a Capodanno)

C’è un tempo per tutte le cose per cui se una cosa non viene fatta al momento giusto, non deve essere fatta per forza  in un altro momento

Ogne picche aggiove

(Ogni poco giova)

Ogni piccolo sforzo contribuisce al risultato finale

‘U cane d’a chjanghe adejune e lurde de sanghe!

(Il cane della macelleria è digiuno e sporco di sangue)

Spesso chi lavora di più ad un progetto è colui che ne gode meno degli altri

 Si jute a Napule p’accatta’ nu curle

(Sei andato sino a Napoli per comprare una trottola)

Molte volte si fanno molti chilometri per cose che si potrebbero trovare sotto casa

Mo s’ha da fa terà ‘a cavezètte

(Ora si fa tirare la calza)

Si fa pregare per fare una cosa che magari vuole e può fare anche senza l’insistenza di altri

 Zombe cardille chè ‘u sole coce

(Salta cardellino perchè il sole scotta)

Approfitta di ciò che la vita ti offre perchè i giorni cupi potranno sempre presentarsi

 Nen ze vole luà u cappìlle ‘nnanze a nesciùne

(Non si vuol levare il cappello davanti a nessuno)

Non è rispettoso di nessuno

L’uteme pizze adda’ èsse ‘a récchie

(L’ultimo pezzo deve essere l’orecchio)

Frase minacciosa che precede un’azione violenta nei confronti di qualcuno

Sotte a ‘sta mane nen chiove

(Sotto questa mano non piove)

Stai tranquillo perchè ti proteggo io

Prumétte cérte e véne méne secure

(Promette certamente e viene meno sicuramente)

È facile fare promesse ma è ancora più facile non mantenerle

A ndò arrìve chjànde u zìppare

(Dove arrivo pianto la zeppa)

Incomincio a fare questo lavoro e quando non ce la faccio più mi fermo

Quanne vaja vaje, truve sèmbe ‘a case accungiàte

(A qualsiasi ora vai, trovi sempre la casa ordinata)

Dicesi quando si sta parlando di una donna ordinata, maniaca dell’ordine in casa

Stipe sirpe che truve anguille

(Conserva serpenti e troverai anguille)

Metti da parte le cose che oggi non ti servono, perchè le stesse un giorno potrebbero risultarti utili

Nu padre cambe a’ cinde figghje e cinde figghje nen ponne camba’ nu padre

(Un padre dà da vivere a cento figli e cento figli non riescono a far campare un padre)

Spesso succede che un padre che si è sempre molto prodigato nei confronti dei figli, al momento del bisogno non riceve la dovuta assistenza dai figli

‘U polece ché cadeje ‘nda farine se credéve mulenare

(Il pollice che cadde nella farina si credeva mugnaio)

Detto attribuito a chi si attribuisce certi meriti solo per la forma e non per la sostanza

Ce vole chi ‘u votte pe ngùle

(Ci vuole chi lo spinge dal sedere)

In questo modo ci si riferisce a qualcuno che non ha nessuna voglia di impegnarsi

Quanne sì cannarùte

(Quanto sei goloso)

“Cannarùte” si riferisce proprio a chi ama mangiare i dolci

E’ fàtte a corse d’u ciùccie

(Hai fatto la corsa del ciuccio)

Hai fatto tanto per arrivare primo e non era necessario

Quìlle jòke a ffrega cumbàgne

(Quello gioca a imbrogliare gli amici)

Ci si riferisce a chi trae beneficio da una situazione calpestando interessi di altri

 T’hagghja fa’ vede’ ‘a farine ‘ndo puzze e l’acque ‘ndo farnare

(Ti farò vedere la farina nel pozzo e l’acqua dal fornaio)

Viene detto per ringraziare chi ti ha dato fiducia, promettendogli un impegno oltre misura

 Só cume u dijàvele e l’acqua sande

(Sono come il diavolo e l’acqua santa)

Riferito a due persone con moralità di natura totalmente differente

Nen è nate e se chjàme Dunàte

(Non è ancora nato e già si chiama Donato)

Lo si dice a quelle persone frettolose, che anticipano sempre i tempi, facendo cose molto prima di quando esse sono necessarie

Stace k’nu pid ‘nda fosse

(Sta con un piede nella fossa)

Lo si dice ad una persona estremamente grave per la quale non ci sono più speranze

 Vaje truvanne ‘votta chiéne e a megghijére ‘mbriache

(Vuoi la botte piena e la moglie ubriaca)

Se hai qualcosa non puoi pretendere di non rinunciare a qualcos’altro

Fémmene baffùte è sèmbe piaciute

(Femmina baffuta sempre piaciuta)

Gesto carino per consolare una donna con un evidente difetto fisico (non si usa solo a Foggia)

Quande manghe t’u crìde

(Quando neanche te lo credi)

All’improvviso

L’hanne pegghjàte a carecatùre

(Lo hanno preso a caricatura)

Lo hanno deriso

Pigghiete ‘u bune jurne cume véne chè i malaménde nen manghene

(Pigliati il giorno buono, perchè quelli brutti non mancano)

Carpe diem. Vivi alla giornata, approfitta di quello che la vita ti offre perchè i guai sono sempre dietro l’angolo

 E quiste è n’ate

(E questo è un altro)

Dicesi di una visita inaspettata o comunque inopportuna

 Appìrze a me vìne tu

(Dopo di me vieni tu)

Mo f’nesce a fìte

(Ora finisce a fito)

La situazione sta degenerando, sta pigliando una brutta piega

Me porte nganzòne nganzòne

(Mi porta in canzone)

Detto a chi trova sempre scuse per rimandare un appuntamento

Se vanne a corke nzìme ‘e gallìne

(Si vanno a coricare insieme alle galline)

Vanno a dormire presto la sera, facendo riferimento appunto alle abitudini delle galline

Pure i pulece ténene ‘a tosse

(Pure le pulci hanno la tosse)

Detto usato quando qualcuno parla a sproposito o interviene su argomenti sui quali non ha competenza

 L’he fatte u buke ngàpe

(Gli ha fatto il buco in testa)

Gli ha fatto una fregatura

È cùrte e male cavàte

(È corto e mal cavato)

È basso e fatto male, praticamente brutto

 Si nen ‘a vole capì: ‘a cavedarèlle l’aspette

(Se non la vuole capire, la caldaietta lo aspetta)

Frase usata dal genitore nei confronti di un figlio che non vuol studiare: la minaccia è quella di mandarlo a fare l’aiutante del muratore che porta gli attrezzi

Sande Martine, ‘u muste èje fatte vine

(San Martino, il mosto diventa vino)

Detto usato in tutta Italia

‘U ciucce porte ‘a pagghje e ‘u ciucce s’a magne

(L’asino porta la paglia e l’asino se la mangia)

A volte un invitato porta una pietanza, un dolce, una bottiglia di vino e, invece di condividerla con gli altri commensali, ne usufruisce da solo

 L’ha capàte da ind’o mazze

(L’ha scelto nel mazzo)

Dicesi quando ci si riferisce a qualcuno che magari è stato non fortunato nella scelta di una persona; è come quando peschi l’unica carta perdente in mezzo ad un mazzo intero

Vache p’ajute e trove sderrupe

(Vado per avere un aiuto e trovo un burrone)

Certe volte si cerca un aiuto a chi, senza saperlo, sta peggio di noi

 I ciucce fanne a lite e ‘i varrile se sfascene

(Gli asini litigano e i barili si rompono)

A volte si perde tempo a litigare, nel frattempo le situazioni cambiano e vengono meno i motivi per la lite stessa

 Vace scavutànne i candìre vìcchje

(Va a scovare nei vecchi cantieri)

Viene detto a chi rimette fuori cose e situazioni vecchie e comunque fuori luogo

Tìne a capa frèsche
(Hai la testa fresca)

Si riferisce a chi non mette giudizio nelle cose ed affronta la vita con superficialità senza assumersi alcuna responsabilità , da non confondere con il seguente detto che indica una persona poco intelligente e che quindi è un offesa:

Tíne l’acqua ‘n cape

(Hai l’acqua in testa)

 Se n’èjùte de cape

(Se ne è andato di testa)

Ha perso la testa per qualcuno o per qualcosa)

Sop’o cutte l’acqua vullùte

(Sopra il cotto,l’acqua bollita)

Si dice quando una situazione già precaria subisce un evento avverso che la peggiora ulteriormente

 Bèlle e bùne se n’è jùte

(All’improvviso se ne è andato)

“Bèlle e bùne” spesso si usa per indicare un azione improvvisa

 Nenn ‘a posse addeggerì

(Non la posso digerire)

Non la sopporto

 Se mène annànze pe nen cadé

(Si butta avanti per non cadere)

Può succedere che magari una persona, ammettendo la sua colpa parzialmente, evita che si indaghi sulle sue effettive ulteriori responsabilità

 ‘A saje longhe ‘a canzòne

(La sai lunga la canzone)

Si vede che sai molto di più di quello che vuoi far credere

 Zompe cumè nu cardìlle

(Salta come un cardellino)

Lo si dice di una persona che sta bene in salute

 Tezzone e caravone, agnune agnune a case lore

(Tizzone e carbone, ognuno a casa propria)

È un detto scherzoso per dire a tutti di andarsene a casa

 Zombe ‘u cetrule e vace ‘ngule a l’urtulane

(Salta il cetriolo e va nel sedere dell’ortolano)

È un fatto che non può capitare per cui lo si dice per indicare un evento improbabile

Vìste ceppòne che pare barone

(Vesti un grande ceppo e ti sembrerà un barone)

Praticamente è l’esatto contrario di “L’abito non fa il monaco” e quindi si può, con la sola apparenza, dare visibilità a chi non la meriterebbe

 U fatte è troppe ngànna ngànne

(Il fatto è troppo in gola)

Si dice quando un evento avviene troppo a breve tempo

Vace cacànne

(Va cacando)

Dicesi di una cosa che non va a misura, che per esempio va larga

Natàle k’u sole e Pasque k’u ceppòne

(Natale con il sole, Pasqua con il ceppo)

Indica le stranezze metereologiche

‘A precessiòne se fèrme e ‘a cère se strùje

(La processione si ferma e la cera si consuma)

Bisogna risolvere subito le cose prima che possa succedere qualcosa

È troppe ceremeniùse

(È troppo cerimonioso)

Si fa troppi problemi, troppo riverente e poco spontaneo

 I solde vanne fujènne

(I soldi vanno scappando)

Lo si dice quando, in certi periodi, si accavallano le spese e sembra che i soldi non bastino mai

 Vace sole cuscelijànne

(Va solo portando in giro le cosce)

Va solo in giro passeggiando

Chjàgne sèmbe mesèrie

(Piange sempre miseria)

Dicesi di chi, anche se in condizioni buone, ha l’abitudine di lamentarsi della propria condizione

Sì nu chjappìne

(Sei un “chiappino”)

Sei meritevole del cappio. Si dice riferendosi ad una persona scaltra e furba

Chi manègge festègge

(Chi maneggia, festeggia)

Chi gestisce soldi e proprietà comuni, riesce sempre a crearsi un proprio tornaconto a discapito degli altri

Nen tène pagghje p’a ciùcce sùje

(Non ha la paglia per la sua asina)

Dicesi di qualcuno che prende altri impegni senza magari riuscire a completare quelli suoi già intrapresi

Chi téne nase téne crijanze

(Chi ha naso ha creanza)

Chi ha un grande naso è educato. Non si sa cosa leghi la lunghezza del naso alla buona educazione: presumibilmente lo si dice per consolare una persona con quell’evidente difetto fisico

E’ nu cusarìlle tande!

(E’ un cosetto piccolo)

Frase dispregiativa rivolto ad una persona bassa di statura o comunque minuta

Kernùte e mazzijate

(Cornuto e bastonato)

Non solo il danno, ma anche la beffa

 Quìlle è nu magna magna

(Quello è un mangia mangia)

Dicesi di una persona arraffona, che approfitta di certe situazioni per favorire il proprio tornaconto

Kernùte cundènde

(Cornuto contento)

Lo si dice a chi pur sapendo di essere tradito, non vive male la sua situazione e sembra far finta di niente

E’ megghje a farte nu vestite che na magnàte

(E’ meglio vestirti che darti da mangiare)

Lo si dice ad una persona di buon appetito

Tìne na cape gloriose

(Hai una testa gloriosa)

Non metti la testa a posto e hai solo voglia di fare cose insensate

Na mane lave n’ate e tutt’ e ddòije làvene ‘a facce

(Una mano lava l’altra e insieme lavano la faccia)

L’unione fa la forza

Vattìnne locca lokke

(Vattene piano piano)

Sii prudente

Quìlle nen magne pe nen cacà

(Quello non mangia per non defecare)

Dicesi di una persona estremamente avara

Ndo’ tanda galle càndene nen face maje jùrne

(Dove tanti galli cantano non fa mai giorno)

Dove tante persone cercano insieme la soluzione al problema non si arriva mai ad una conclusione

L’ha fàtte nu liscebbùsse

(Gli ha fatto un liscio e busso)

Gli ha fatto un severo rimprovero. Frase riportata da un  gioco delle carte e precisamente dal “tressette”

Magne a doje ganasce

(Mangia a due ganasce)

Mangia voracemente

‘A sère tanda lijùne, ‘a matìne tanda caregnùne

(La sera tanti leoni, la mattina tanti carognoni)

Ci sono persone che la sera, in gruppo, sembrano tanto spavaldi e strafottenti e poi la mattina, da soli, appaiono impacciati e codardi

A’ Madonna u’ sàpe chi tène i recchjne

(La Madonna lo sa chi ha gli orecchini)

Pare che in una chiesa di Foggia furono rubati gli orecchini dalla statua della Madonna; il prete, durante l’omelia, ammonì i fedeli dicendo appunto che la Madonna sapeva chi era stato il colpevole, cercando di spaventarli nella speranza di una restituzione del maltolto. Da allora è rimasto il detto che qualsiasi cosa si fa, si può sempre venire a sapere perchè qualcuno dall’alto ne è sempre a conoscenza

Vide de fa na cose de jùrne

(Vedi di fare una cosa di giorno)

Cerca di fare subito, non perdere tempo

Vace gerànne turne turne cume Turnesèlla

(Gira tutt’intorno come Tornesella)

Si dice ad una persona che non sa stare ferma e gira e cammina continuamente in cerca di qualcosa; Turnesèlla è un nome di fantasia

Parle proprie cume nu lìbre strazzàte

(Parla proprio come un libro strappato)

Parla in modo sconclusionato, non si fa capire

Allòre ije parle giargianèse?

(Allora io parlo giargianese?)

Il giargianese è in linea generale la lingua della gente del nord che spesso risulta incomprensibile. Quindi la frase vuol dire: “cerca di capire perché io non parlo una lingua incomprensibile”

Avessa jì strisciànne k’a lènghe p’ ndèrre

(Dovrebbe andar strisciando con la lingua per terra)

Dovrebbe aver l’umiltà di chiedere scusa e farsi perdonare

A fatìghe se chìàme kecòzze e a me nen me ‘ngòzze!

(La fatica si chiama zucca e io non la ingoio!)

Lo dice colui che non ha grande voglia di lavorare

Si ce ‘u dìce a quèlle mètte i giurnàle

(Se lo dici a quella, mette i giornali)

Non ti fidare di quella persona perché non saprebbe tenere un segreto e riferirebbe tutto a tutti

Sott’a nu  bùne maestre èsce nu bùne discèpule

(Sotto a un buon maestro esce un buon discepolo)

Il significato è chiaro

Ogne lassàte è pèrze

(Ogni lasciata è perduta)

Non farti scappare l’occasione, potrebbe essere l’ultima

Tutte quìlle ch’è fàtte, se n’è jùte ‘nglorie

(Tutto quello che hai fatto se n’è andato in gloria)

Lo si dice a colui che, dopo aver fatto tanti sacrifici per realizzare qualcosa, vede vanificare il tutto per un qualsiasi evento avverso

Senza sapè né lègge né scrive

(Senza sapere né leggere né scrivere)

Buttarsi a fare una considerazione, anche sensata, su di un argomento che si conosce molto poco

E’ mègghje èsse kernùte chè male sendùte

(E’ meglio essere cornuto che mal sentito)

Frase pronunciata da chi si rivolge a persone che non lo ascoltano affatto

Gnòtte a vacànde

(Ingoia a vuoto)

Si dice quando qualcuno resta deluso e, a bocca asciutta, riesce solo ad ingoiare saliva

Se sò accucchiàte, u làure e u fegatìlle

(Si sono uniti, l’alloro e il fegato)

Stanno insieme e vanno molto d’accordo tra loro

Pezzìnde e granezzùse

(Pezzenti e albagiosi)

Molte persone, pur vivendo in ristrettezze, si permettono una vita al di sopra delle proprie possibilità e ostentano superbia

S’è luàte u magnà da mokke

(Si è levato il mangiare dalla bocca)

In questa maniera si indica una persona estremamente generosa

U vìne è u làtte d’i vìcchje

(Il vino è il latte dei vecchi)

Gli anziani bevono il vino nella misura in cui i bambini bevono il latte. Si vuole in pratica giustificare qualche esagerazione nel bere

Troppa grazzie, sant’Andònie

(Troppa grazia, sant’Antonio)

Lo si dice quando si riceve all’improvviso più di quello che ci si aspettava

Fàce sèmbe u làsse e pigghije

(Fa sempre il lascia e piglia)

E’ un indeciso, non sa prendere velocemente una decisione

E’ nu magnapane a trademìnde

(E’ un mangia pane a tradimento)

E’ uno che pensa a fare i fatti propri di nascosto, senza favorire chi gli sta intorno

Guàrde a me e n’è lu uère

(Guarda a me, ma non è vero)

Frase irriverente riferito ad una persona strabica

A quill’ u lard l’è ‘rruàte nganne

(A quello il lardo gli è arrivato in gola)

Rivolto a chi ormai ha accumulato ricchezze in maniera esagerata

Chi magne sùle s’ indorze

(Chi mangia solo si affoga)

Lo si dice a chi mangia da solo senza condividere il cibo con i presenti

 Ije pe me e tu pe te

(Io per me  e tu per te)

E’ la fine di un accordo, di un fidanzamento, di un contratto: io vado per la mia strada e tu vai per la tua

Cume spìnne, accussì magne

(Come spendi mangi)

Spesso, quando si cerca di risparmiare eccessivamente in un acquisto, non sempre la qualità è garantita

Jìnere e nepùte: tutte quelle che faje è perdùte

(Generi e nipoti: tutto quello che fai è perduto)

Considerazioni che spesso fanno nonni o suoceri quando non hanno un buon rapporto con i parenti

Quelle nen m’accònde juste

(Quello non me la racconta giusta)

Non mi fido di quella persona, non mi sembra una persona sulla quale fare affidamento

Tène ‘a lènga longhe

(Ha la lingua lunga)

E’ un linguacciuto

Tène na lènghe!

(Ha una lingua!)

E’ un pettegolo

Nen z’ha magnàte u’ maccaròne

(Non si è mangiato il maccherone)

Non ci ha creduto