Browse By

La morte di Monsignor Farina

1 like
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
Monsignor Fortunato Maria Farina

Monsignor Fortunato Maria Farina

Sabato, 20 febbraio 1954, si spegneva a Foggia , in odore di Santità, Monsignor Fortunato Maria Farina, uno degli uomini piu’ amati  di tutti i tempi dal popolo foggiano e di tutta la provincia. Vescovo di Troia, dal 1919 e di Foggia, dal 1926, dopo le sue dimissioni, per i gravi problemi di salute, venne insignito del titolo di Arcivescovo titolare di Adrianopoli e Onoriade.

Da sempre venerato dai suoi concittadini, di Monsignor Farina si ricordano le numerose opere di bene, non solo epistorali; spirituali e dedicate alla chiesa e alla salvezza delle anime, ma anche materiali. Fu proprio grazie alla sua grande umanità, ma anche fermezza, e capacità di coinvolgere e parlare al popolo che  gli fecero riconoscere doti di “Santità in vita”.  Tra le opere lasciateci in eredità, ricordiamo gli ammodernamenti e ampliamenti della Cattedrale, (canonica, sacrestia, vetrate) il Seminario e il Piccolo Seminario su Via Napoli. Ma, del Venerato Monsignor Farina resterà per sempre, indelebile, nella memoria di tutti i foggiani, il suo intervento, fisico e materiale, durante i giorni dei tragici bombardamenti della nostra città, a favore delle vittime e dei superstiti.  Sua fu l’accorata e struggente   relazione che nel 1943, subito dopo i disastrosi bombardamenti di luglio e agosto, davanti ad una città distrutta e deserta, inviò a Sua Santità Pio XII, per informarlo delle terribili condizioni nelle quali si trovava la popolazione foggiana.

E i foggiani, di tutta la provincia, non mancarono di tributargli tutti gli onori in occasione dei funerali celebrati il successivo il  22 febbraio, lunedi, nella cattedrale, dove il corpo di Monsignor Farina venne traslato dalla vicina diocesi.  Trasportato a spalla dai religiosi , ai suoi lati vi erano dieci carabinieri in alta uniforme ( come ricordano i giornali del tempo).  Alle solenni esequie erano presenti tutte le Autorità: Religiose, Civili, Militari e Politiche, non solo di Foggia e della provincia, ma anche dei gran parte della Puglia, dell’Abruzzo e della Campania, sua terra natia. I funerali furono officiati dal Vescovo Monsignor Amici, mentre l’elogio funebre venne fatto da Monsignor Armando Fares, Arcivescovo di Squillace e Catanzaro.

Le spoglie del Vescovo “buono” e amato dai foggiani, riposano nella nostra Cattedrale e sono oggetto di venerazione da parte di tantissimi fedeli.

(a cura di Salvatore Aiezza)

La pagina del Foglietto che parlò della morte di Monsignor Farina