Browse By

Poesie di Salvatore Il Grande

0 like
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Scheda autobiografica

Nasco a Ortanova (FG), in una mattina d’estate del 25 agosto 1946, secondo di cinque figli.

Mio padre, Giuseppe, è stato un  sottufficiale dell’esercito, originario di   Margherita di Savoia (classe 1915).

Mia madre Rita, originaria di   Ortanova (FG), casalinga (classe 1924).

Con me ci sono: tre fratelli e una sorella, l’ultima della nidiata.

Come si può dedurre dalla mia data di nascita è chiaro che ho vissuto, bambino, l’immediato dopoguerra e poi anche il boom economico degli anni sessanta.

Il mio percorso di studi non è stato fantastico. I soventi trasferimenti di mio padre non favorivano il mio ambientamento, anche perché, forse, avevo bisogno, allora come adesso, di sentirmi accettato e benvoluto per dare il meglio di me stesso, però potrebbe essere solo una scusa.

Questo poi deve aver indotto mio padre a pensare che non fossi portato per lo studio, ecco quindi spalancarsi le porte della scuola professionale prima e l’istituto tecnico industriale dopo.

Nessuna colpa a mio padre, anzi, ha continuato a seguirmi cercando di aiutarmi a superare le difficoltà che inevitabilmente si affacciavano e che in buona fede non attribuiva ad un errore d’indirizzo. Col senno di poi mi sarebbe piaciuto frequentare una scuola ti tipo umanistico. Mi è sempre piaciuto studiare storia in tutte le salse: le varie epopee, i cambiamenti sociali ed economici, il diritto,  ecc…da ragazzo ero affascinato dal disegno e la pittura. Anche nel lavoro ho avuto queste certezze, infatti il primo concorso superato fu nelle PP.TT grazie alla prova scritta ( il tema ) ed al colloquio orale, dove potei far valere le mie buone qualità di dialogo e di comunicazione.

Insomma, con il mio diploma di perito elettrotecnico non ci ho fatto proprio niente. Un altro grande amore, praticato a livello amatoriale fino a qualche anno fa è stato il calcetto.

Dopo la parentesi milanese nelle poste, passai nelle F.S., inizialmente come conduttore, poi capotreno e infine capo personale viaggiante.

Sono felicemente sposato dal  9 maggio del 1977 e grazie a mia moglie abbiamo due splendidi figli. Sono in pensione dal 30 giugno 2008.

Nutrendomi della frequentazione che ho con i padri Giuseppini dell’opera San Michele di Foggia, ho scoperto la mia vena di inventare storie e trasformarle in vere e proprie commedie dialettali. Mi diletto anche nella  poesia. Con un mio amico ho realizzato diversi DVD storico-religiosi. Attualmente ricopro l’incarico di vice presidente nell’Associazione Amici ed ex Allievi del Murialdo dell’Opera San Michele di Foggia.

Francamente non riesco a stilare un elenco delle cose che ho scritto, non solo perché sono tante, ma soprattutto perché non sono mai stato ordinato.

Non soffro della sindrome di Peter Pan, però: non so ancora cosa farò da grande.

Salvatore Il Grande

____________________

Quèste eje dedecate ‘a tutte ‘i mamme d’ù munne specialmènde a quèlle chi capille bianche

 

‘A Mamme 

‘A mamme, se dice ch’eje bèlle assàje,

‘e chi ‘a tène…..vècchije,

nen ‘a vède maje!

 

t’a fatte nasce,

t’a cresciùte,

t’a sèmbe defennùte!

 

‘e quanne inde ‘a case succedeve qualche cose

quanne s’affacciave n‘a malaparàte…. Mammà,

grazzije ‘a tè, nescijune maje se né addunàte;

 

mammà… so’ passate l’anne!

ciamme fatte grusse! mammà ciamme spusàte!

però sacce pecchè, sule nuje sime cagnate;

 

tu nò, sije rumaste sèmbe ‘a stèsse,

sèmbe cundènde ‘e sènza paure,

‘u saje chè sije chiù bèlle mo’ de quann’emme crijature!?!

 

ogge faje settant’anne ‘e sije chiù bèlle,

ogge, te vulime dice de chiù,

mammà, ogge…. tu sije une stèlle!

 

augurije mammà, augurije ku core

de’i figlie tuje,

che tande amore!

____________________

 

‘A Mamme nostre

Staje sèmbe dinde’a quèlle nicchije d’orate,

nescijune te canosce, nescijune te vède,

‘eppure…tutte i fuggiane te vonne ‘bbène;

doje vòte ‘a l’anne te mettime in mostre,

quanne te purtame, spalle spalle,

‘nprecessione, pe’ù corse;

‘a marze ‘a prime vòte,

p’arrecurdarce d’e tand’ anne fà,

quanne facije culle sòrte ‘e terramote;

povere Foggie, quante delore ‘e destruzzijone,

‘e quanne ‘a tèrre angòre tremelave,

tu appariste, ‘e sule allore ‘a tèrre se fermaje;

‘a auste pe’a seconde vòte,

quanne ripa ripe ‘e vija vije,

te ne turne ‘ndrète ‘a chijese tuje;

si, ‘a chijese tuje, ‘a San Tommase,

‘ndò maje nescijune tà cacciàte,

‘ndò maje nescijune tà sfrattàte;

tanne velute inde’a Chijese Madre,

pe forze, ‘ndò stanne quille cù vestite rusce

‘e cù scazzuppine ‘ngàpe;

tutta gènde sopraffine!!!

chè quanne vanne arrète ‘a precessione,

parene, tante fegurine;

ma tu stì fatte nen lè maje guardate,

sule ‘u core ‘e l’aneme dà gènde,

tanne sèmbe ‘nteressate;

guarde ‘o bùne ‘e pure ‘o malamènde,

vide ‘o sane ‘e pure ‘o sofferènde,

staje accorte ‘o dottore ‘e pure ‘o nullatenènde;

tu sije nà mamme juste,

sije ‘a mamme, de tutte quande,

pe tè, tutte i figlije sò ‘mburtànde;

inde ‘a Chijese Madre, ciaspitte ‘e ce chiame,

ma forse, nuje, nen te meretame,

pecchè, sule sotte ‘e taccarate te cercame;

sule allore, citte citte, te pregame,

vicine ‘a quella balaustre,

ku resarije ‘mmane;

te cercame, guardanne inde ‘a culle circhije nère,

chissà vedime ‘a facce tuje,

quelle facce ‘mmaculate ‘e sengère;

perdonece, mamme, si te trascurame,

dacce ‘a grazzije de cercarte sèmbe,

ku còre ‘mmane;

i figlije, ‘a mamme, nen ‘zse’a scordene maje,

‘e tu sije nà mamme speciale,

nà mamme bèlle assaje;

nà lacreme, d’ope nù chiante s’asciughe ‘e mòre,

nù fiore nasce, eppò sassècche ‘o sòle,

l’amore de’a mamme nostre pe sèmbe te console ;

te chiamene Cunavètre ‘o Madonne d’i sette vèle,

pe nuje, sije ‘a mamme nostre,

‘a chiù bèlle dù munne indère;

‘e quanne amme lassà stà tèrre,

‘u jurne chè ‘u Segnore decidarrà,

nà speranze sole ciadda accumpagnà:

d’abbrazzarte ‘e de vedèrte inde ‘a l’ucchije azzurre tuje

‘e tra nà lacreme ‘e nù surrise, putè dice…

grazzije mamme, grazzije, pecchè che te vède ‘u paradise!

Ascolta l’audio della poesia

____________________

Da una lirica di Rosario Puzio rielaborata in vernacolo da : Salvatore Il Grande

Dedicata agli ultimi

Questa poesia è dedicata a tutti coloro i quali si sentono messi da parte, perché emarginati, discriminati, abbandonati al proprio destino e non possono farci niente. Spesso la rabbia è più forte della ragione e a nulla servono le fugaci parole di conforto, la sterile comprensione occasionale degli altri. Uno solo è il lampo che può diradare questa ira….ma forse è un miraggio, un miraggio che svanisce così come si è manifestato, perché immediatamente ritorna a far capolino lo sconforto. Questa condizione è ormai frequente nella nostra società e non ha una età o fascia sociale ben precisa, perché può essere una condizione di un giovane in cerca di lavoro, di un portatore di handicap, di un padre di famiglia licenziato, ecc….Una cosa è certa….oggi sei considerato solo se sei qualcuno, per come appari e non per quello che sei. La tua difficoltà anziché stimolare gli altri ad aiutarti, diventa un ostacolo insormontabile, perché sei un peso, perché sei diverso….dai fastidio! Ecco perché, anche se per un solo giorno, vorresti diventare un numero Uno, perché così cambieresti il mondo intero e non già la tua condizione di ultimo.

Quand’eje brutte quante nen ‘zsije nescijune!

Quand’eje brutte quanne nen ‘zsije nescijune,

tutte quande te vanne scanzànne,

tutte quande te pigghijene ‘a skerzùne;

Quand’eje brutte quanne nen ‘zsije nescijune,

tutte quande se fanne maste,

‘a nescijune ‘i frèghe ninde si staje ‘a dijune;

Quand’eje brutte quanne nen ‘zsije nescijune,

te sinde cume ‘e nù maccarone svacandate,

te sinde cume ‘e nù chemmùne;

Quand’eje brutte quanne nen ‘zsije nescijune,

certi vote vularrisse cagnà ‘u munne indère,

‘e pe nà vote….vularrisse addevendà ‘u numere une!

Quand’eje brutte quanne nen ‘zsije nescijune!

____________________

‘A lettere de Natale

Quèste ‘a ponne sènde e capì chi ogge tène i capille bianche

 però l’avèssere lègge pure i crijature dell’era moderna.

V’arrecurdate quanne se screvève ‘a lettere de Natale ?

almène nu mèse prime i crijature screvèvene sotta dettature…

d’a majestre d’a mamma o de nu frate grusse

pe fà chiù fegure!

po’ finalmènde arrevave ‘a sère d’a veggilije

‘e se mettève ‘a lettere sotte ‘o piatte

senza chè papà se n’addunave

chisà po’ ce sganciave qualche denare!

isse però, stu fatte… se l’aspettave!

sapève tutte cose ‘e facève ‘u gnorre!

po’ quanne se fenèvene baccalà vrucchele ‘e capetone

ascève ‘a lettere da sotte ‘o piattone!

cum’e Gesu bambine sotte ‘a grotte

papà pegghjave sta lettera ‘nmane

‘e che l’ucchije già lustre lustre decève:

di chi eje quèste chi l’ha mannate?

accussì ‘u crijature respunnève:

ligge papà ligge

papà chè lacremave e apprisse ‘a isse tutte quante

ammantenève ‘a scène e decève

allore l’e scritte tu ! vedime leggime!

inde ‘a quille mumènde assemegghijeve

chè nen ce stève chiù ninde atturne ‘a nuje

pecchè tutte quante…chi stèva stève

che l’ucchije spalancate ‘e chi rècchije tèse

ce mettèmme ‘a sènde quille che papà leggève

‘e chè già sapève!

queste ‘ere ‘a storije de tutte l’anne

chè passavane une s’ope ‘a l’ate sèmbe cuntente;

ogge invece chè succède ?

nesciune aspette chiù ninde

ce stace già tutte cose

nesciujne chiagne chiù

però nesciune è cuntente !

vulite sapè quille chè manche?

manche l’amore d’a famiglie chè nen ce stace chiù !

Sissignore, manche l’amore pe Gesù.

____________________

‘I puletekande ? So’ sèmbe ‘i stèsse !

          Facitece attènzijone,
quanne eje timbe d’èlèzijone,
quanta favezune ‘escene in circolazione;

Ti vide tutte alleccàte ‘e ‘ncruattàte,
chi se sènde nu scèriffe,
chi adderetture ‘u De Gasperi da setuazijone;

‘E po’ ‘a popolazione?
chi dice avaste chi stèsse crestijane!
chi invece dice ‘e pecchè quille si ‘e ije no !?!

Però kantane tutte quande ‘a stèssa kanzone!
senza retègne e sènze ‘emozijone,
nen ‘zsanne spezzecà na parole ‘a tèlèvisijone;

Na cose sanne dice tutte quante:
quille chè anna lassate anne fatte sule danne!
ma nen sanne dice lore ndo’ so’ state, che fanne?

Ka povera gènde se fanne maste, senza fède ‘e senza onore
prumèttene ‘e nen mantènene,
senza case e senza fatiche? ‘e chè ‘i frèche ‘a lore!

Na vote stèvene ‘i disoccupate tutte diplomate,
mo’ so’ tutte quante laurijate ‘e masterizzate,
ma nen eje cagnate ninde, angòre ve penzate!

Vide tutte sti giuvene murtefecate,
te vène na pèna ‘ngulle
‘e chi vace annanze !? i solete rebbusciate!

Dicève bune nu povere crestijane
giuvenò nen ce penzànne!
munne ‘ere ‘e munne eje… da mo’ ‘a cint’anne!

____________________

‘A vecchiaje

 

‘A vecchiaje eje na carogne!

accussì decève sèmbe papanonne

v’arrecurdate? ‘e tenève arraggiòne!

 

‘a vecchiaje arrive nu bèlle jurne

 ‘e senza prèavvise

‘e quanne  s’appresènte:< te sinte accìse!>

 

Cume se capisce ch’eje arrevate?

cume se capisce

chè se tratte proprije d’esse?

 

So’ l’ate chè t’eu dinne

so’ l’ate chè t’eu fanne ‘a capì

chè nen ‘zsije chiù quille de prime!

 

Ogge  penziunate?!

 dope qualche mèse

sentite c’agghije passate:

 

Parle, ‘e te lucchelejne ‘ngàpe

nen parle, allore faje ‘u mupe!

ride ‘e chedèje sije scème!

 

Inzomme…te parlane da rète

t’ammuccene tutte cose

 ‘e tu…. nen zsaje chiù ninde!

 

De prime acchitte

nen li daje pèse

fine a chè nen aje ‘a sorprèse!

 

Madonne sèmbe ‘i stèsse fatte dice!

mo’ce faje venì ‘u delore de cape!

‘e feniscele che sti laturne chè c’è fastediate!

 

Va va, fatte nu gire

va pigghje l’acque ‘u pane

fa qualche servizje, ajute ‘a famiglie!

 

‘E ditte ninde!

 accumminze ‘a penzà

qua’i fatte se mèttene malamènde!

 

 

Anè ‘e fine ajire chi so’ state?

marite mije da qua

papà bèlle da la

 

Mo’ invece  …cume t’assìtte

te te! stace sèmbe stravaccate!

cume te ‘nnisce, Giangalasse coscialonghe!

 

Inzomme, chè ve pozze dice

assemmegghje chè ‘u munne stace ‘a smèrse

se pote sapè chè avèssa fa?!

 

Faciteme ‘a capì

avèssa accìde ‘a cocche une

p’esse considerate?

 

‘U fatte eje sèrije parlamece chiare!

pecchè ‘ndrète.. nen se pote turnà

sule Gesù l’ha petute fa

 

Però sta vecchijaje ‘a putime aggiustà!

‘e l’anna capì pe prime ‘i giuvene

chè ‘i vicchije…. nen ‘zsanna maltrattà!

 

Sissignore, pecchè ‘u vecchije

Nenn’eje quille chè tène ‘a facce arrappàte

Nenn’eje quille che se n’eje jute ‘npensione!

 

‘U vecchije

 nenn’eje quille che tène ‘a sciateche

‘e stace ‘ngreppàte

 

‘U vecchije

nenn’eje quille chè stace senza dinde

ca faccia storte ‘e sgangàte

 

‘U vecchije

nenn’eje quille chi capille bianche

‘e l’occhiale fattizze

 

Inzomme… ‘u vecchije

 nen se vède pe cume eje addevendàte ‘a vije fore

‘u vecchije… s’adda respettà!

 

Pecchè ‘u vecchije Tène  sentemènde e amore!

pecchè ‘u vecchije tène ‘a paciènze

                             pecchè ‘u vecchije… tène ‘a recchèzze inde  ‘o  kore!

                                        

____________________

L’Europa –  che bella cosa

V’arrecurdate chè se decève… con l’Europa spariranno le frontiere anche il problema  lavoro diventerà un lontano ricordo saremo tutti più ricchi più fratelli più solidali e soprattutto: ci sarà più amore più pace! Finalmente gioiremo in ogni luogo in tutti i mari e in tutti i laghi garantito anche da San…remo; grazie  all’Europa avremo anche la moneta unica una vera garanzia della new-economy. Questi erano i proclami queste erano le aspettative.

Uagliù svegliamece!

pecchè cume ‘o solete

ogne prèdeche ‘esce ‘a l’emosene!

dal dire al fare

c’è di mezzo il mare! gli oceani!

sapime tutte quante ch’eje succisse

guardamece ‘nfacce

da crestiane ‘a crestiane

 pecchè ogge stame pègge de prime

chi sacche vacande

‘e chi vocche apèrte

da nuje vènene tutte quande:

cenìse ‘ndijane polacche egizzijane

tutte povere crestijane

‘e chi dice ‘u cuntrarije

però sé mogghije ‘a Dije

ce muime nu poche pure nuje

ciarrèstane ‘a fruntiere

pecchè?

pecchè sime italijane!

nen parlame del lavoro

‘a fatiche… il sogno atavico del terrone

con la valigia di cartone

eje addevendate chiù nère

de’u pane chè ce magnamme na vote

‘e sé t’arrebbille… ‘u jurne d’ope

staje ‘a spasse pègge de  Giangalasse.

Quille chè tènene ‘a sacca chienè

‘e ‘u kore de prète

sapite chè dinne?

ci vogliono le maniere forti

bisogna far rispettare la legge

basta con la tolleranza!

inzomme cume ‘o solete

vale ‘a lègge de’u putènte!

‘e chi ce vace pe sotte?

 ‘a povere gènde!

se fenèsce chernute ‘e mazziate

sapite chè pènze?

chè pure Gesù

starà ‘nguitate

starà decènne ‘o padretèrne:

papà ma ‘ndò me mannate!

me fatte accide pe lore

‘e quiste fanne pegge de prime!

se cacciane ‘i mosche ka mazze

tande chè se vonne ‘bbène!

Povere ‘a lore figghije mije

l’e ditte pure tu s’ope ‘a quella croce:

Padre perdona loro

perchè non sanno quel che fanno.

I stache aspettanne ‘a une ‘a une

preffedijuse ‘e paranzuse.

A tutti sarà dato quel chè avranno seminato.