Browse By

Un silenzio assordante!

0 like
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

rn039È un Foggia che ormai ha preso tutti, che ha convinto tutti, soprattutto per quello che ha saputo fare nell’ultima settimana, settimana nella quale ha racimolato 9 punti su 9 con due gare disputate fuori.

Il metro dell’entusiasmo è il sold out, che ormai si può ufficializzare, per la gara contro la Reggina prevista nel giorno di sabato santo: questa partita rappresenta, a quattro giornate dal termine, il primo match point che potrebbe consegnare la serie B ai rossoneri nel caso in cui vincessero contemporaneamente Foggia e Matera.

La gente lo sa ma questa volta non si scompone, parla a bassa voce e soprattutto in città è molto difficile vedere una bandiera rossonera su qualche balcone; nessuno dimentica quante feste sono state annunciate e poi annullate sul più bello: basterebbe ricordare solo Avellno e Pisa.

Tutti a Foggia sanno che per perdere questo campionato bisogna mettersi seriamente di impegno, eppure nessuno osa ostentare sicurezza, magari solo e soltanto per scaramanzia, ma sembra che si sia presa una decisione netta e inequivocabile. Il tutto senza mettersi d’accordo, ma evidentemente è talmente sentita questa cosa che non c’è nemmeno il bisogno di parlarsi per prendere decisioni da condividere.

Il popolo rossonero, però, sa che quest’anno non si può sbagliare e capita di ascoltare, magari davanti a qualche bar, discussioni su chi è certo di chiudere sabato e chi pensa che sarà a Fondi che si festeggerà la promozione. Insomma niente bandiere, ma è sempre più evidente la consapevolezza di una promozione sicura..

Alberto Mangano