Browse By

Vittorio Salvatori, il sindaco più giovane

0 like
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
L'on. Andreotti alla Fiera di Foggia

Con l’on.Andreotti alla Fiera di Foggia

Quando fu eletto sindaco di Foggia, l’8 ottobre del 1966, aveva solo 37 anni risultando, a tutt’oggi, il primo cittadino più giovane che la città abbia mai avuto.

Ben 42.523 preferenze, ottenute con la candidatura per la Democrazia Cristiana alle elezioni politiche del 7 maggio del 1972 nella circoscrizione Bari-Foggia, gli consentirono di conquistare un seggio alla Camera dei Deputati che occupò impegnandosi a risolvere i problemi della scuola italiana, senza dimenticare la sua Foggia: l’istituzione dell’Università, della Sede della Soprintendenza Archeologica, il riconoscimento del teatro “Umberto Giordano” come Teatro di Tradizione.

Da Sindaco, con la sua amministrazione, Foggia conobbe la modernizzazione e lo sviluppo urbanistico, grazie all’adeguamento della normativa urbanistica alla Legge Ponte del 1967 che introduceva gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria. Sotto il suo governo cittadino, la città si arricchì dell’Accademia di Belle Arti mentre venivano statizzati il Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” e l’Istituto d’Arte. Per il centenario della nascita di Umberto Giordano, nel 1967, organizzò una serie di concerti e convegni a cui prese parte anche l’allora Presidente del Consiglio Aldo Moro. Una stele al campo di aviazione e una lapide nella Cattedrale ricordano la visita a Foggia nel 1969 degli aviatori americani che durante la guerra del 1915-18 avevano preso il brevetto di pilotaggio all’aeroporto militare “Gino Lisa” con l’istruttore Fiorello La Guardia, l’americano d’origini foggiane che sarebbe poi diventato sindaco di New York. Salvatori accompagnò quegli stessi ex piloti americani, tutti inseriti in alte professioni negli Stati Uniti, al ricevimento ottenuto con il Presidente della Repubblica italiana l’8 maggio del 1969.

Il sindaco premia la squadra per la conquista della Serie A

1970. Il Foggia in comune per la conquista della A

Il 28 Giugno del 1971 il Sindaco Vittorio Salvatori celebra un altro memorabile evento per la città di Foggia: il gemellaggio con Goppingen, ideato dallo storico tedesco Willemsen nel nome del grande Federico II della dinastia sveva degli Hohenstaufen e auspicato dall’Ambasciata tedesca in Italia. Porta anche la firma di Vittorio Salvatori la valorizzazione del Bosco dell’Incoronata, auspicato dall’architetto Ugo Iarussi, con un concorso nazionale; e l’approvazione del nuovo progetto dell’architetto Vagnetti della Basilica Santuario della Madonna dell’Incoronata. Il 7 Marzo 1972 Vittorio Salvatori si dimetteva da Sindaco di Foggia per candidarsi alle elezioni politiche, e venne eletto parlamentare italiano.

fonte: www.ilmattinodifoggia.it