Browse By

La chiesa di S.Angelo, S.Michele, l’arco e la devozione per il santo

0 like
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
La chiesa di S.Angelo

La chiesa di S.Angelo

L’antica Chiesa di S.Angelo, costruita nella seconda metà del XII secolo, sorgeva nella zona attualmente occupata dal Palazzo di Città. Dai documenti dell’Archivio Capitolare, risulta primo Vicario Curato, con bolla di nomina del Vescovo di Troia del 25/2/1429, Don Antonio De Luca. Nel 1929, anno della demolizione, il Vicario Curato era Don Antonio Barbalato. La vecchia Chiesa legata all’antico Monastero delle Redentoriste, era a forma ellittica all’interno con tre altari: l’altare maggiore dedicato a S.Michele era in marmo mentre gli altri due, dedicati a S.Donato e a S.Lucia, erano in pietra. La chiesa fu demolita per la costruzione del nuovo Municipio e l’altare maggiore fu ricomposto nella chiesa di S.Giovanni di Dio. La vicaria curata funzionò nella sede provvisoria di S.Chiara e fu affidata ai padri Giuseppini già operanti a

L'interno della chiesa di S.Angelo

L’interno della chiesa di S.Angelo

Foggia nell’Orfanotrofio “Maria Cristina”. Il 29/9/34, sul terreno di via Capozzi (zona dei “Caprai”) si svolse il rito della benedizione e della posa della prima pietra per la costruzione della nuova Chiesa di S.Michele che fu benedetta il 20/6/36 da Mons.Farina; in quella stessa data fu inaugurata l”Opera S.Michele” per le attività formative e ricreative dei ragazzi e dei giovani della città. Alla realizzazione del nuovo complesso parrocchiale concorsero il Comune di Foggia, in debito con la Diocesi per aver demolito la vecchia Chiesa, Mons. Farina e i fedeli di Foggia. Ma, tornando alla vecchia Chiesa demolita, per iniziativa di alcuni fedeli, la statua del Santo, posta in una teca, fu collocata all’interno dell’arco di S.Michele: fu sistemata prima una cancellata a protezione della statua e successivamente un’altra per preservare l’intero arco. Secondo quanto riferito, erano presenti nell’arco altre  tre icone votive. Sul gradino di accesso all’arco i devoti accendevano lumini e lampade ad olio. Nella ricorrenza del 29 settembre si formava una piccola processione per venerare la statua del Santo presso l’arco. Questa consuetudine, come tante altre terminò nell’estate del ’43. La statua fu oggetto di restauro da parte prima di Giuseppe Zaccheria nel 1978 e più recentemente da Maria Cirillo nel 2003. L’arco di S.Michele, con i palazzi Caponegro e De Angelis che esso divideva, emblema dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale,  fu demolito  il 23 luglio 2000 e la statua di S.Michele fu trasferita presso il Museo Civico.

L’arche de San Michele (poesia di Raffaele Lepore da “I timbe so’ cagnate”)

Nen sacce quanda vote so passàte / pe sotte a st’archecille affumecàte, / quanne, uaglione, allègre e spenzaràte, / jève e venèeve da Piazza Mercàte. / Zumbave quilli scale a trè ‘a vote / ‘mbuccave stu passagge sènza sole / e me facève ‘a croce tutt’i vote / ca jève, o ca turnàve da la scole. / ‘A statue ‘Sammechèle ind’a na nnìcchje, / tenève annanze cinghe o sèi lambine, / duje fìure arreggestràte ind’a nu sìcchje, / e,atturne atturne, tanda fegurìne. / Chiùngue ce passave, ind’a scurìje, / guardave ‘u Sande e, ck’u cappille ‘mmane / rucelejàve qualche Avèmmarìje. / Tanne éreme nu poche chiù Crestijane! / E si, pecchè, dop’i bumbardaménde, / stu viche ca la guèrre ha sparagnàte, / nenn’ère cume e prime, pecchè ‘a gènde / ha pèrze ogni respètte, s’è cagnàte! / Nenn’ère chiù cum’u sapèmme nuje: / nu pusteclle ‘mminz’ a vécchja Fogge… / si ce passave, te n’aviva fuje! / E quèste è ‘a ceveltà ca stace ogge? / Mò finalmènde hanne refatte ‘i scale, / hanne remìse a nuve, hanne pettàte, / ‘a stàtue è sèmbe quèlle, tale e quale, / ma tutt’u riste, no. Cum’è cagnàte! / Vide quist’arche ck’u cangille annanze, / chiuse pe sémbe. E’ pròprije nu péccate! / Giacché nisciune tène chiù crijanze, / … mègghje accussì,… almène s’è salvate!

Questa poesia fu scritta dal poeta foggiano nel 1980 quando non si immaginava che l’arco di lì a vent’anni sarebbe stato abbattuto