Browse By

Le imprecazioni foggiane

5 likes
CONDIVIDIShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

“Cantami o Diva del Pelide Achille l’ira funesta che infiniti addusse lutti….” così inizia, ricordi di scuola, l’Iliade con riferimento all’ira di Achille che si tradusse nell’uso delle armi e nei lutti inflitti ai troiani.

Come foggiani, non siamo da meno di Achille, o a tanti altri, uomini e popoli; solo che la nostra ira, meglio così, non è “armata”, è affidata più alla parola. Popolo pacifico insomma. Per questo, penso, nel tempo, il nostro frasario “iroso” o “iracondo” si è arricchito, è diventato colorito, spaziando per ogni dove, giacché l’ira può investire ed affiorare in ogni campo, in ogni momento.

Lo stesso Antonio Lo Re, in “Le proletarie del Tavoliere” (1910), parla di donne che abusano del turpiloquio.

Per noi foggiani, il turpiloquio successivo all’ira trova sfogo nei così detti modi di dire, o nei “vrùcchele”,  parole sconce, riprendendo ed abusando del nome di un saporito ortaggio, appunto broccolo/i. “Sìnde e che vrùcchele!!” sta per “Senti che parolacce sta dicendo!!”. Chissà perché!? Forse, azzardo, perché i broccoli, “vrùcchele de ràpe”,  assimilati ai cavoli, da noi “vrùcchele da càvele”, “caveleaffiòre”, “ròse de càvele”, proprio fiori non sono, o come fiori non hanno la bellezza tipica di questi, o anche perché, gli uni e gli altri, quando si lessano in acqua bollente lasciano in casa un persistente odore sgradevole, “’na tànfe“, un tanfo, e ancora perché la loro digestione a volte diventa difficile e il malcapitato è costretto più volte a correre in bagno.

Ho pensato quindi di riproporne un po’, quelli che ricordo, di queste espressioni e delle circostanze in cui esse più si adattano. Molte sono desuete, inutilizzate, dimenticate (meglio così), alcune sono state italianizzate.

Sorvolando sulle forme d’ira che chiamano in causa santi e madonne (letanìje) su quelle che fanno riferimento ai defunti altrui o, al più o meno corretto comportamento di una donna ed ai prodotti da esso derivanti sulla fronte del suo uomo, veniamo a quelle più leggere, quasi di ammonimento e richiamo. Insomma minacce che non lasciano né segni, né intaccano l’onore ed il decoro di una persona.

T’agghia fà petàzze petàzze: ti devo fare pezzetti pezzetti

T’agghia fa fricùle fricùle: ti devo ridurre in briciole

T’agg.hia fa fèlle fèlle: ti devo affettare

T’agghia felià u’ core: ti devo ridurre il cuore in fette

T’agghia struppià: rendere come uno storpio

T’agghia sfraganà: ridurre in polvere, come farina

T’agghia magnà ‘u còre: mangiare il cuore

T’agghia spetazzà: ridurre in pezzetti

T’agghia ròmpe l’òssere: rompere le ossa

T’agghia fa l’òssere cùme nu sàcche de nùce: ridurre le ossa come un sacco di noci

T’agghia fa cùme a tre òre de nòtte: ridurre nero come (alle ore tre) di notte

T’agghia spezzà l’òssere: spezzare le ossa

Ròmpe i dìnde: rompere i denti

Abbuttà u’ mùsse: gonfiare le labbra

Ròmpe u’ mùsse: spaccare le labbra

Squaccià ‘a chepe: rompere la testa (di solito con una sassata)

Cecà n’ucchije: accecare un occhio

Sc’kattà n’ucchije: schiattare un occhio

‘Nchiuvà: scoprire o rimettere (redarguendo)persona al posto che compete

Mètte che duije pìde ìnde a ‘na scàrpe: ridurre al minimo il ruolo di una persona

Spezzà ‘i màne – ciungà ‘i màne: troncare le mani – si usa  nei confronti di bambini molto vivaci che toccano tutto e provocano guai rompendo

Spezzà ‘i gàmme – ciungà ‘i gàmme: troncare le gambe – per bambini irrequieti, in continuo movimento

Ròmbe ‘ i gàmme: rompere le gambe, più in senso di provocare una frattura, usato per bambina che vuole sempre uscire, stare nella strasa a giocare

Ròmbe ‘i còsce: rompere le cosce, usato per signorinelle in età di sviluppo che rincorrono i primi amori

Stàtte ìnde ròtte de còsce: modo imperativo che “invita” ragazzi/e a restare in casa come se avessero le gambe (cosce) rotte – nel caso di ragazze poi, l’avvertimento è particolare, va oltre il precedente, la signorinella di prima ha già l’innamorato, la mamma è preoccupata, e come tipico detto di donne fa riferimento a una parte del corpo ben precisa, le cosce

Acciùnghete là – Stàtte acciungàte là: imperativo per” siediti là”, “resta seduto là”

T’agghia acciungà: ti devo ridurre in modo che sei costretto a stare seduto

Tè ‘cciungà: modo sentenzioso per “augurare” ad una persona di dover restare seduta a causa di un problema fisico

Stàtte quiète: Stai quieto, stai calmo, si usa soprattutto nei confronti di bambini

E’ sc’kattà ‘ncùrpe: devi schiattare in corpo

Strazià u’ còre: trafiggere, straziare il cuore

T’agghia vedè strascenùne: ti devo vedere strisciare (ai miei piedi)

T’agghia vedè ca’ lènghe pe ‘ndèrre: ti devo vedere con la lingua strisciare sul pavimento (e chiedere pietà, perdono)

T’agghia vedè porta pòrte: ti devo vedere diventare povero (e bussare ad ogni porta per chiedere l’elemosina)

Mo’ te pigghije che ‘na màzze: ora ti colpisco con un bastone

Ca te vonna ‘mpènne: che tu possa finire impiccato (ma è più usato in modo ironico)

Puzza fa ‘na brutta fìne: che tu possa fare una brutta fine (inteso come morte)

T’agghia vedè mùrte: mi auguro di vederti morto

Ca te vonna benedìce: che tu possa essere benedetto (modo di dire  sarcastico)

T’agghia sdrenà: ti devo rompere le reni, o colpire nelle reni

Ca te vonna accìde: che tu possa essere ammazzato

Puzza murì: che tu possa morire

Jìtte u’ sànghe – Sbùtte de sànghe: “augurio” di epistassi (non necessariamente dal naso)

Jìtte u’ sànghe da ‘ngànne: qui è indicata anche la via per la fuoriuscita del sanegue, la gola

Puzza murì de sùbbete: che tu possa avere una morte improvvisa, istantanea

Puzza avè nu còlpe: che ti venga un “colpo”

E’ sc’kattà: devi schiattare, per invidia o sottomissione

Mo’ te mènghe ‘na ‘ngenate: ora ti colpisco con l’uncino, bastone da pastore

Te fàzze ‘a chepe vùzze vùzze: ti faccio tanti bernoccoli in testa

Mo’ te ruciulèije pi scàle: ora ti faccio rotolare per le scale

Speselà pe l’arije: sollevare per aria

T’agghia fa àcce e òve: ti devo ridurre a sedano e uova, in una poltiglia di questi

T’agghia spurtusà: ti devo forare, perforare (con riferimento all’uso del coltello o altro attrezzo acuminato)

Puzza passà nu guaije: ti auguro che ti venga un male, un grosso problema.

T’abbòtte i gangarìlle: ti gonfio i denti (traduzione letterale), ma forse sta per “ti faccio saltare i denti”, o per “gangarìlle” si vuole intendere le gote, le labbra, parti più prossime ai denti

Sfaccìme, sfaccemùse: di persona furba, faccia tosta

(Raffaele De Seneen)

Nuove espressioni suggerite da Francesco Ricci:

t’abbòtt ì dìnd: ti gonfio i denti

t lass murt nderr: ti lascio morto a terra

t fazz iè scurrènn sang: ti faccio scorrere il sangue

t fazz ìè a r’còrr (sottotitolo: và kiàm a ki vùij): ti faccio andare a ricorrere (sottotitolo: vai a chiamare chi vuoi)

puzza shkattà ngurp: che tu possa schiattare in corpo